lunedì 18 settembre 2006

Momo M.Ende

Scusate, ma ho tante idee nella testa, troppe cose che mi interessa dire, e si sono affollate tutte insieme per uscire.
Così si è creato un mega ingorgo, con il risultato che non esce nessuno.
Mi sembra di vederle che sgomitano..
"passo io passo io... io sono più interessante!"
...litigano come delle vecchie comari, la sera le sento nella testa tutti gli argomenti di cui vorrei parlare...
E giù GOMITATE!

Non sono le idee che mi mancano, ma vorrei esporle in modo interessante per chi le legge. Perché non è tanto importante QUANTE cose dici, ma COME le dici, COME le spieghi e CHE COSA arriva di quello che spieghi.

Sono troppo meticolosa e attenta, vedo sempre le cose finite, intere, nella globalità, mentre bisognerebbe seguire la saggezza scritta nel libro MOMO:

Brano tratto dal libro Momo:

Il vecchio si chiamava Beppo Spazzino. Aveva di sicuro un altro cognome ma, dato che di mestiere era spazzino e che tutto lo chiamavano così, anche lui aveva deciso che quel cognome gli stava bene. [....]
E faceva il suo dovere volentieri e a fondo. Sapeva che era un lavoro assai necessario. Quando spazzava le strade andava piano ma con ritmo costante: ad ogni passo un respiro e ad ogni respiro un colpo di granata. Passo-respiro-colpo di scopa. Passo-respiro-colpo di scopa. Di tanto in tanto si fermava e un momento e guardava, pensieroso davanti a sé. E poi riprendeva. Passo-respiro-colpo di scopa. [....]
Dopo il lavoro, quando sedeva vicino a Momo, le spiegava i suoi grandi pensieri. E poiché lei ascoltava in quel suo modo speciale, gli si scioglieva la lingua e trovava le parole adatte.
"Vedi, Momo, è così: certe volte si ha davanti una strada lunghissima. Si crede che è troppo lunga, che mai si potrà finire, uno pensa."
Guardò un po' in avanti davanti a sé e poi proseguì: "E allora si comincia a fare in fretta. E ogni volta che alzi gli occhi vedi che la strada non è diventata di meno. E ti sforzi ancora di più e ti viene la paura e alla fine resti senza fiato... e non ce la fai più.... e la strada sta sempre là davanti. Non è così che si deve fare."
Pensò ancora un poso e poi seguitò: "Non si può mai pensare alla strada tutta in una volta, tutta intera capisci? Si deve soltanto pensare al prossimo passo, al prossimo respiro, al prossimo colpo di scopa. Sempre soltanto al gesto che viene dopo.
Allora c'è soddisfazione; questo è importante perché allora si fa bene il lavoro. Così deve essere.
E di colpo uno si accorge che, passo dopo passo, ha fatto tutta la strada. Non si sa come.... e non si è senza respiro.
Questo è importante."
Tratto da Momo di Michael Ende

Momo

Questo passaggio di Beppe Spazzino mi ha sempre colpito: sin dalla prima volta che l'ho letto, tanti anni fa, mi è rimasto TATUATO NELLA MEMORIA e oggi sono andata a riprendere il libro di Michael Ende e ho riletto queste parole di una persona umile, semplice, taciturna, forte di un buonsenso concreto, ma che ha capito una grande saggezza, l'unica verità e forse la preziosa chiave per la serenità e la tanto desiderata felicità nella vita.
Certo bisogna avere obiettivi nella vita, sono fondamentali, degli scopi, dei punti di arrivo, ognuno deve scopare la propria strada e arrivare in fondo, ma il trucco è seguire il consiglio dell'amico di Momo.... e assaporare ogni gesto, ogni passo, ogni metro del cammino..... con calma....

MOMO di Michael Ende:
Ci sono questi UOMINI GRIGI che rubano il tempo alle persone, perché il tempo è denaro...risparmialo! E rubano il tempo libero alle persone, il tempo che loro dedicano alle loro cose: un pasticcino, coccolare il cane, fare visita alla mamma, leggere una rivista, fare 2 chiacchiere con un conoscente, fermarsi a guardare il panorama, sorridere per un bimbo che gioca al parco.

Le persone, così, iniziano a fare tutto di corsa, con la fretta perché hanno tante cose da fare e da finire senza gustare e assaporare più nulla della loro vita, vivono la vita ormai solo con lo scopo di fare le cose nel minor tempo possibile con l'illusione di risparmiare tempo, in realtà stanno SPRECANDO tutto il tempo messo a loro disposizione.... senza pensare che è il tempo, la nostra unica vera ricchezza.


"Esiste un grande eppur quotidiano mistero… Questo mistero è il Tempo. Esistono calendari ed orologi per misurarlo, misure di ben poco significato, perché tutti sappiamo che, talvolta, un’unica ora ci può sembrare un’eternità e un’altra invece passa in un attimo… dipende da quel che viviamo in quest’ora.

Momo

Perché il tempo è vita. E la vita dimora nel cuore." MOMO

3 commenti:

ATREIU ha detto...

Ottimo, grazie per aver creato una pagina in memoria del mio scrittore preferito

Susanne John ha detto...

Questo Libro, come tutti i grandi libri, scritti per bambini , ma pensato per gli adulti non ha perso niente della sua struggente attualità. Lo regalo da anni a tutti coloro che sanno ancora ascoltare e non smetterò mai ad amarlo. Susanne John (facebook. yamila yarissa)

sofia ha detto...

La storia di Michael Ende ha appassionato molte persone, compresi noi bambini. Lo leggerò fino a quando convincerò gli altri ad amarlo come se in quell'istante lo stessimo vivendo.
(Sofia 9 anni).